Idrolati

Cos’è un idrolato

Sono acque distillate vegetali (Aquae distillatae ex plantis).

Gli idrolati si ottengono tramite distillazione in corrente di vapore di varie parti di piante aromatiche. Sono costituiti dalla fase acquosa ricondensata e separata dall'olio essenziale, ove presente.

A lungo erroneamente considerati un residuo del processo di distillazione, gli idrolati hanno riguadagnato la loro reputazione in tutti i tipi di trattamenti cosmetici.

Non confondere idrolati e acque aromatizzate vegetali

Le acque aromatizzate sono ottenute da aromi di origine vegetale, mediante dissoluzione in acqua purificata o mediante distillazione in corrente di vapore seguita da decantazione e filtrazione. Si tratta effettivamente di prodotti distinti, anche perché le tecniche per ottenerli sono molto diverse.

Gli ambiti di utilizzo degli idrolati

Data la minore concentrazione di biochimica negli idrolati, non possiamo aspettarci le stesse virtù "molecolari" degli oli essenziali. Gli idrolati non hanno mai preteso di competere efficacemente con i farmaci sintetici, al contrario degli oli essenziali. Tuttavia, sono di grande interesse per la pelle e le sue mucose.

Oltre a questa indicazione di massima, devono essere preferiti per tutte le irrigazioni delle mucose: collirio, collutorio, irrigazione vaginale…

Poiché la prevenzione è l'approccio migliore per rimanere in buona salute, l’assunzione in per via orale degli idrolati può anche essere utile per drenare gli emuntori, in virtù delle loro azioni fisiologiche e metaboliche.

Idrolati  - Gascromatografia
Gascromatografia

Produzione degli idrolati

Tutti gli oli essenziali chemiotipizzati e gli idrolati provengono dalla distillazione in corrente di vapore di organi di piante aromatiche raccolti in un momento specifico del loro ciclo vegetativo. Qualsiasi prodotto ottenuto con mezzi diversi dalla distillazione non può essere chiamato idrolato.

Il raccoglitore distillatore deve rispettare scrupolosamente le specifiche date per la corretta produzione di un idrolato e tutta la pulizia necessaria per questi prodotti acquosi che, dal punto di vista batteriologico, sono fragili.

Durante il processo di distillazione in corrente di vapore, gli idrolati vengono solitamente raccolti per un'ora in modo che la ricchezza dell'idrolato fornisca fragranze e caratteristiche significative della pianta aromatica distillata. Alcuni, spinti dal desiderio di raggiungere una redditività estrema, raccolgono volumi di acqua di distillazione per periodi molto più lunghi (da 3 a 4 ore), ma il prodotto non avrà lo stesso interesse a livello curativo perché la sua efficacia sarà molto scarsa rispetto a quella offerta da un idrolato autentico e concentrato.

A differenza degli oli essenziali ottenuti con lo stesso processo di estrazione, gli idrolati contengono, oltre alle molecole aromatiche e terpeniche, altre molecole di diversa natura. Questo perché il vapore acqueo estrae altri ingredienti attivi che, essendo idrofili, si trovano nell'idrolato. La sua composizione è quindi particolare e unica.

 Idrolati - distillazione in corrente di vapore
1 : Olio essenziale - 2 : Idrolato

La storia degli idrolati

  • IV secolo: gli scritti di Sinesio di Tolomeo e Zosimo di Panapoli descrivono in dettaglio gli strumenti di distillazione egiziani
  • VI secolo: Ezio di Amida, medico e scrittore residente a Costantinopoli, descrive la distillazione empireumatica tramite idrodiffusione
  • VIII-XI secolo: la scienza araba sviluppa acque distillate di rose e assenzio. Medici come Teofane nono, Serapione, Avenzoar raccomandano gli idrolati come rimedi
  • XV secolo: dopo le Crociate, l'Occidente subentra all’Oriente e gli idrolati diventano lo scopo principale della distillazione. Jean Winther, professore di medicina a Strasburgo, trasferisce la distillazione dai laboratori degli alchimisti ai laboratori dei farmacisti
  • XVI secolo: il libro “New gross Destillirburch” fornisce molti dettagli sugli strumenti di distillazione e sulla produzione di idrolati e le loro azioni mediche

  • 1880: troviamo gli idrolati nel “Traité de la pharmacie galénique”. L'uso di piante fresche è preferito a quello di piante secche perché si conservano più a lungo, hanno una maggiore chiarezza e il loro aroma è sempre più uniforme e più sviluppato
  • 1942: nel “Pharmacie galénique” T1 di A. Gomis e A. Liot, vengono aggiunti altri dettagli:

  • Scelta dell'acqua
  • Scelta delle piante
  • Scelta della modalità operativa
  • Adulterazione o falsi idrolati
  • Composizione delle acque distillate
 Idrolati - distillazione in corrente di vapore

La qualità degli idrolati

Sul mercato, ci si trova di fronte a moltissime marche che presentano oli essenziali e idrolati la cui qualità varia notevolmente. In questo labirinto, è necessario fornire alcuni mezzi di valutazione della qualità in modo da garantire un prodotto in grado di rispondere alle aspettative.

Il termine corretto

L'unico termine corretto è idrolato in quanto solo l'idrolato deriva al 100% dalla distillazione in corrente di vapore. I termini idrosol, acqua floreale, acqua aromatica… sono sospetti perché aprono la porta a prodotti che non sono altro che un emulsionamento o una solubilizzazione dell'olio essenziale in un corpo idrico o anche una semplice diluizione dell’idrolato tramite aggiunta d’acqua.

IACT o idrolato chemiotipizzato

I progressi tecnologici nell'analisi ci offrono oggi la capacità di identificare e quantificare tutte le molecole contenute in un idrolato. I vantaggi sono, tra le altre cose, una chiara prova delle proprietà degli idrolati oltre alla conoscenza della biochimica e della sua concentrazione molecolare.

Un idrolato IACT mostra sempre una concentrazione maggiore rispetto a qualsiasi altro che sarebbe stato raccolto durante la distillazione. Il recupero dell'idrolato chemiotipizzato avviene in un momento specifico e per un periodo ben definito durante questo processo di estrazione mediante distillazione.

Idrolati - IACT
Idrolati

Conservazione

Gli idrolati sono fasi acquose che si contaminano rapidamente se non si presta molta attenzione.

Prodotto tramite distillazione in corrente di vapore, qualsiasi idrolato che fuoriesce dall'alambicco è sterile, ma l’igiene degli operatori e la pulizia dei contenitori possono essere un problema. Il mezzo più frequentemente usato è la microfiltrazione (0,2 micron) prima dell'imballaggio, da effettuarsi idealmente in flaconi di vetro o in qualsiasi contenitore opaco. Tenuto al riparo dalla luce e in frigorifero durerà più a lungo.

Un idrolato ben distillato, seguito, microfiltrato e conservato in una confezione che lo protegge dalla luce e dall'ossigeno mantiene la propria efficacia per più di 2 anni in buone condizioni di presentazione. Tuttavia, non appena il flacone viene aperto è utilizzabile solo per un periodo di 6 mesi poiché qualsiasi fase acquosa può essere contaminata rapidamente.

Gli idrolati sono normalmente conservati sotto forma di spray in flaconi di vetro, ma il laboratorio Pranarôm punta alla più elevata qualità possibile presentando uno spray in bomboletta senza gas propellente con un sistema “airless”. La contaminazione dell'idrolato diventa quindi impossibile e viene garantita una resistenza migliore nel tempo.

hydrolat spray